Photo : Armand Luciani

 

 

Una porta incanterata, passa un rasgiu di lume
Duve stò, hè bughju, notte tenebrosa
Manu à manu un rispiru spazza un'aria angusciosa
Dopu stonde nere, sò accecatu da u to biancume

Stu bolleru in mè, un tempu avia piantatu
Un'era ancu nata a fata oghje prisente
longu fù l'amparera à notte celente
D'oghje sò è d'eri suminatu


Abbulighjà focu è acqua pare una chimera
Putenza d'una fiura tramandata da seculi
Chi scutumia, da perdesi in acchjappanuli
Appacià, u vecchju è u novu in un'avvicinera

Capu colmu di soni chi cherenu solu d'esce
Perchè fermà cioncu à st'assalti bramosi
Femuli piazza, schjarimu issi celi nebbiosi
Strappemu e pastoghje senza rincresce

Di sicuru, amicu mi truverai for di strada
Batticore ardente, aspettu aggrancatu
Daretu u to ghjudiziu rasserinatu
Impennà, per ditti, si tu musa a mo fata

Avà puesia è lingua, intricciate site fallate
Un sugillate issa porta, lampate inchjostru
Accasatevi, quelli sicuri di u sapè vostru
Ultimu chjaroscuru di le mo nuttate

A i mei... 
( scrittu in lu 2011 per u discu Elektrad di Simon Guerrini è lettu da Antone Ciosi )