Pedicroce

Pedicroce o caru, ti dicu di tù
Chì c'aghju frustatu a mo ghjuventù
Aghju cunnisciutu u to Chjusone
Prima ch'elli facinu issu casone

S'eo ti cunnoscu da cima in fondu
Hè da quì ch'eo scupria u mondu
Serà u terrazzolu di u Santu
Chì mi porta à lampà issu cantu?

A Sulana ci durmia tutt'à statina
A sai bè ch'eo l'allungava a seratina
A notte ùn pudia entre troppu prestu
Chì a festa a facia senza arrestu

Ùn mi pentu d'esse statu cusì
À rifà diceria torna di sì
Tempi è tempi dice a saviezza
I mei i ricordi sò fatti di tenerezza

Maladettu u mese di ghjennaghju
Di novanta cinque s'eo ùn mi sbagliu
Ùn c'era più che negru fume
Dopu à u focu, sisu per prufume

Tandu aspettavamu simpatia
Fù lingua arrutata chì rumpia
Ognunu disgiulava di a casgiò
È certi mi vedianu in priggiò

Pianu pianu l'anni sò passati
I capelli dinù sò fallati
È cum'è tant'altri ingiru
Ai persu ghjente è rigiru

In piazza di i to dui santi
Chì hà vistu tant'amanti
U lagnu pare impatruniscesi
Per tè sò pochi à uniscesi

Hè crudelle a to sorte
È ùn manca cerbella forte
Sì testimone di troppu lite
À cuntà le, ùn bastanu e dite

Di circà qual'hè era
Si finisce à sicutera
Un tufonu senza fondu
O girà sempre in tondu

Di a stampa si statu a risia
Oghje vecu troppu pinzutia
Ùn si tratta mancu di razzinu
Ma di mette di più sumerinu

Pedicroce senti senti a mo voce
Chì isse quatru sillabe feroce
Ribombanu sin'à u Celestu
U ti scrivu tale un Manifestu

L'estate sott'à l'alburi fiuriti
les Ormeaux colmu di cunviti
Dicu à tutti dite a vostra
Ma sempre in lingua nostra

Pregu è facciu ghjuramentu
È fideghju u to cunventu
D'un lascià fascià d'ellera
Iss'amore senza fruntiera

A vita manca di sale
S'omu perde l'universale
È per i ghjorni à vene
Cercheraghju sempre à tene...

Ps: Chjusone, Santu, è Sulana sò nomi di lochi. Les Ormeaux u nome di u caffè

6 d'aprile 2020